Bologna, “Youngabout International Film Festival”: “Nel buio della sala la luce di altri mondi”

Facebooktwittergoogle_pluslinkedin

Da qualche giorno mi trovo a Bologna per seguire la 12ma edizione di Youngabout International Film Festival (16-28 marzo), kermesse cinematografica, nata nel 2007, dedicata al cinema contemporaneo di qualità e volta a privilegiare il pubblico dei giovani, degli adolescenti, con aperture su arti visive, nuove tecnologie e produzioni televisive, che vede come curatrici Laura Zardi ed Angela Mastrolonardo, mentre  ideazione ed organizzazione fanno capo all’Associazione culturale Gli anni in tasca-Il cinema e i ragazzi, di concerto con istituzioni locali e nazionali ed altre realtà associative e culturali. Ho potuto assistere alla proiezione di ottimi film, proposti in lingua originale con sottotitoli (Jasper Jones, Rachel Perkins, 2016, e Butterfly Kisses, 2017, Rafael Kapelinsky, fra i titoli che mi hanno particolarmente emozionato) e constatare l’attenta partecipazione delle molte scolaresche invitate, suddivise in fasce d’età a seconda delle tematiche trattate dalle pellicole in cartellone. Ho avuto anche modo di rivolgere qualche domanda alla professoresse Maria Notari e Caterina Taglioni, grazie per la disponibilità, che insegnano alle Scuole Secondarie di Primo Grado Farini.

Professoressa Notari, le chiedo di parlarci della sua esperienza riguardo la partecipazione a Youngabout , in particolare l’atteggiamento dei ragazzi, che oggi hanno ormai a disposizione tutto a portata di tastiera, a contatto con la sala cinematografica, dediti alla visione di film certo diversi da quelli che abitualmente sono soliti vedere.

“Vero, molti dei ragazzi vanno pochissimo al cinema, non conoscono il circuito dei film indipendenti e all’inizio sono piuttosto scettici di fronte alla proposta di titoli che non conoscono, o storcono il naso di fronte alla presenza dei sottotitoli, però poi si accorgono di entrare in un’altra dimensione, film che parlano di luoghi, di posti a loro sconosciuti ma che comunque fanno da sfondo a tutta una serie di problematiche proprie anche della loro vita. Si identificano quindi nelle storie narrate, fanno domande, diventano curiosi… Frequentiamo come scuola Youngabout da molti anni, un’ iniziativa piccola, di nicchia, quasi di volontariato, e la sosteniamo con grande voglia di esserci, soprattutto in questi momenti in cui i finanziamenti sono stati ridotti, rendendo difficile il proseguimento dell’ottimo lavoro intrapreso. Ripeto, ci teniamo alla partecipazione del nostro istituto  e vi portiamo quasi tutte le classi.”

Quindi il cinema mantiene ancora alto il suo valore culturale ed informativo?

“Certamente, e rappresenta sempre anche una forte fonte emozionale. Ci sono stati a volte film difficili per i ragazzi, però hanno avuto il merito di farli pensare, quindi la visione rappresenta un momento piuttosto interessante per poi avviare delle discussioni in classe, come già detto. Non è semplicemente una mattinata di svago, ma il lancio di un’attività che poi continua proficuamente all’interno delle aule, con letture, discussioni, riflessioni, senza dimenticare la redazione delle recensioni.”

Professoressa Taglioni, lo slogan della 12ma edizione di Youngabout recita Nel buio della sala la luce di altri mondi: quanto il cinema può ancora insegnare ai ragazzi di oggi sognare e a conoscere una realtà simile alla loro ma al contempo diversa da quella che sono soliti vivere?

“Ritengo che il cinema sia molto importante per far crescere questi ragazzi con una mente aperta, la possibilità di conoscere nuovi mondi è per loro fondamentale, li aiuta anche a farli uscire da casa, da scuola, li distoglie dalla visione di un video; per noi insegnanti la visione in sala è poi importante per educarli ad assistere alla proiezione in silenzio, al buio, concentrati su quanto stanno vedendo perché non hanno più l’abitudine al riguardo, con le famiglie vanno sempre meno al cinema e quando vedono i film a casa la visione viene interrotta di continuo. Si recupera in tal modo la possibilità di sognare, riabituandosi anche al senso del bello.”

La sua esperienza con Youngabout e, come ho già chiesto alla sua collega, la rilevanza formativa del cinema all’interno degli istituti scolastici.

“Un’esperienza piuttosto lunga, lavoro alle Scuole Secondarie di Primo Grado Farini da sette anni, ma prima di me già vi era una costante partecipazione al Festival: insieme ai ragazzi abbiamo avuto modo di vedere sempre film piuttosto belli, ricchi di significato, mai banali, per cui ritengo che il cinema in generale ma soprattutto un certo tipo di cinema pensato per i giovani, incentrato sulle loro problematiche e modalità di vita, possa essere certo formativo per la crescita ed il confronto.”

149 Visite totali, 0 visite odierne

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Aggiungi commento

Be the First to Comment!

Notify of
avatar
wpDiscuz