Favola governante

Facebooktwittergoogle_pluslinkedin

Si Conte che una mattina del mese Di Maio, qualcuno Bussetti alla porta di un Casalino sperduto. Venne ad aprire una donnina gentile che, con Toninelli pacati, subito salutò: “Bongiorno!, come posso esservi utile? Chi siete?”

“Bongiorno a lei!” – disse una voce dura – “Siamo dei Milanesi diretti a Savona e stavamo cercando un posto dove poter fare un breakfast”. La donnina chiese: “Quanti siete?”
La risposta fu sorprendente: “Non lo sappiamo bene: Tria, Trenta, forse un Centinaio.”
“Ma siete troppi!” – ribattè la donnina – “non posso ospitarvi tutti.”
“Ma Signora” – insistette il tipo – “Abbia un po’ di Bonafede, non siamo mica dei Crimi! Abbiamo sentito dei piacevoli Lezzi che provenivano dalla sua casa e ci siamo fermati.”
La donna avrebbe voluto accoglierli, ma il suo Casalino non era abbastanza spazioso per tutti. Inoltre, temeva che i vicini avrebbero potuto infastidirsi per il sicuro Fraccaro che avrebbero creato tutte quelle persone. Allora, per non apparire poco accogliente, si rivolse al tipo e gli disse: “Guardate, lì in fondo al giardino c’è una Fontana da cui sgorga latte fresco. Vi preparo i cornetti Stefani che stavo cuocendo e ve li porto”.
Il tipo non credeva alle sue orecchie e, intenerito, chiese: “Moavero? Davvero lei farà questo per noi?”
“L’ho detto e lo farò! – rispose la donna – “Non è necessario estrarre la Spadafora dalla roccia per fare che miei simili si Salvini dalle difficoltà.”

Il tipo rimase immobile e, finalmente, un sorriso Giorgetti sul suo volto.

da
www.mararechichi.it

88 Visite totali, 0 visite odierne

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Aggiungi commento

Be the First to Comment!

Notify of
avatar
wpDiscuz