Locri (RC): “Un gioco intelligente”, alla Galleria “Arké” l’arte di Xante Battaglia

Facebooktwittergoogle_pluslinkedin
"L'Arcaico" (Xante Battaglia)

“L’Arcaico” (Xante Battaglia)

Da oltre trent’anni è sulla scena dell’arte internazionale, Xante Battaglia, artista e personaggio eccentrico, geniale e trasgressivo, fuori da ogni possibile catalogazione sommaria. La Galleria Arké di Locri (RC) gli rende un motivato tributo con una personale che sarà inaugurata il 14 dicembre, ore 19.30, e sarà visitabile fino al 10 febbraio 2018. Un gioco intelligente, l’arte di Xante Battaglia è il titolo che la gallerista e curatrice Marò D’Agostino ha voluto dare alla mostra, a indicare una peculiare qualità che informa tutto il percorso e le opere dell’artista. “Dall’Arcaico agli Sfregi, agli Iconocubi, agli Oggetti Binari, la sua ricerca affronta e penetra con sperimentazione d’avanguardia un fondamentale saggio teorico sulla percezione visiva nel rapporto col reale” – notava Giuseppe  Martucci negli appunti di presentazione di XB a La Permanente di Milano già nel lontano ’83, riconoscendo al pittore di origine calabrese “quell’intuizione di un pensiero e la nozione di un’opera che ispirarono nel 1978 Pierre Restany alla stesura del manifesto  Du  Naturalisme Integral”. “Nel mare magnum della fotografia, dove l’abuso fa legge, mi affascinano le combinazioni seriali o le proiezioni cubiche di Xante Battaglia. Avrei voluto mostrarle a Schad, a Man Ray o a Moholy-Nagy per sapere cosa ne pensassero” scriveva il critico francese sostenendo che la cancellazione selettiva operata dal nostro è già una presentazione critica dell’oggetto stesso. “Di sicuro Xante Battaglia ha sempre anticipato, provocato, dissacrato applicando procedure di tipo concettuale per dissentire dalla società consumistica e dai suoi feticci; non ha mai abbandonato le sezioni tematiche su cui si struttura il suo processo comunicazionale e creativo stabilendo relazioni immanenti tra immagini, luoghi spaziali e mentali e investendo tutto questo di una tensione artistica autentica e svincolata dal tempo della produzione. Una attualizzazione a oltranza di tutto che ci fa pensare a un atto demiurgico di memorizzazione.  Alle continue rivisitazioni è sotteso, come in un gioco, l’esercizio permanente dell’intelligenza sull’immagine utilizzata. Su tutte le opere, a cifra unificante del linguaggio del maestro, si erge l’immagine, reiterata con frequenza quasi ossessiva, della Dea Madre, mito arcaico depositario dei segreti dell’universo o, se si vuole, sintesi estrema della verità dell’arte” spiega Marò D’Agostino. La Galleria Arkè, proseguendo l’itinerario di ricerca che sta offrendo al suo pubblico da qualche anno con la rassegna Mitica, ne ha adottato per questa mostra le immagini: segni provocatori e rivelatori della cultura profonda e misteriosa della terra meridionale.

Galleria Arkè – Via G. Matteotti 239 – Locri (RC) – tel. 3394018497       

Dal 14 dicembre 2017 (inaugurazione alle ore 19.30) al 10 febbraio 2018 –   10.30-12.30 e 17.00-19.00 (esclusi festivi e lunedì)

oppure su prenotazione https://www.facebook.com/events/1955543724768461/

 

Comunicato stampa di Maria Teresa D’Agostino

 

173 Visite totali, 0 visite odierne

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Aggiungi commento

Be the First to Comment!

Notify of
avatar
wpDiscuz