Movìmundi, “Fiumare e non discariche” e “Basta plastica”: si concluderà a Bovalino, 8-9 agosto, la seconda fase delle attività di sensibilizzazione

Facebooktwittergoogle_pluslinkedin

Fiumare e non discariche l’8 agosto  ore 18:30, al Sistema Bibliotecario Territoriale Jonico di Bovalino: Movìmundi vuole stimolare e sostenere   tutte quelle realtà, pubbliche e private, che credono nel bene comune e lo perseguono; di concerto con l’Amministrazione Comunale di Bovalino, l’associazione Agave ed il Sistema Bibliotecario Territoriale Jonico di Bovalino si è organizzata una tavola rotonda a cui parteciperanno i maggiori esperti, alla ricerca di una strada che inverta la rotta e progetti come garantire salubrità, bellezza e armonia in quei luoghi che oggi sono continuamente offesi da episodi d’ incivile ignoranza e arroganza.

Previsti gli interventi di Giuseppe Bombino, Ricercatore e docente del settore Idraulica Agraria e Sistemazioni Idraulico-Forestali presso l’Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria; Carlo Tansi, geologo, Professore incaricato di Elementi di Geologia Strutturale e di Geologia Strutturale per l’Università della Calabria; Massimiliano Capalbo, imprenditore eretico calabrese. Interprete motivazionale e ambientale; Emilio Sperone, ricercatore Unical di zoologia marina, tra i pochi esperti a livello europeo di squali, testimone dei danni della plastica a mare; Antony Rizzitano, Ispettore del Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali. Esperto in sofisticazioni alimentari, ha realizzato una Food Forest; Francesco Isola, autore di uno studio sulla Valorizzazione delle aree demaniali fluviali con la coltivazione del bergamotto; Nicola Sacco, artista poliedrico, amante ed esperto conoscitore del nostro territorio e in particolar modo delle nostre fiumare ideatore del progetto Esopys. Arturo Rocca, presidente dell’osservatorio Ambientale Diritto per la vita, che raggruppa associazioni del territorio, camminatore di provata esperienza da tanti decenni e che più di altri si sta spendendo per l’ambiente; Gruppi Escursionistici che da sempre hanno saputo vedere le ricchezze e unicità del nostro territorio, tanto da promuoverlo sia a livello nazionale che internazionale e che, con la loro grande passione e dedizione, tanto fanno per proteggerlo dalle contaminazioni dell’uomo stolto; Sindaci della Locride che hanno titolo a gestire e tutelare il nostro territorio pure tra enormi difficoltà; Cittadini Attivi attenti e presenti, consapevoli che le loro scelte ricadranno certamente sui loro figli e le generazioni future; Cesare Cosentino, ingegnere libero professionista nel settore dei lavori marittimi.

L’obiettivo della tavola rotonda è far emergere la bellezza delle nostre fiumare attraverso una nuova visione che non le vede più come discariche abusive ma geositi e parchi fluviali di impareggiabile interesse scientifico, turistico, naturalistico, paesaggistico, escursionistico, geologico, idrografico, e non per ultimo, economico. Ultima tappa, il 9 agosto, con Basta plastica (secondo problema ambientale dopo i cambiamenti climatici): a partire dalle ore 19:00, sul lungomare di Bovalino con il patrocinio del Comune e la compartecipazione dell’associazione Agave, avrà inizio la serata di sensibilizzazione ambientale con l’esposizione di quadri e sculture degli artisti di Movimundi a cui seguirà la proiezione di documentari, video e immagini sul problema della plastica a cura di Silvia Capogreco. Alle ore 22:00 il Sindaco Avv. V. Maesano e la giornalista Giovanna Mangano daranno inizio alla serata, con gli interventi di Emilio Sperone su Lo stato di salute dei nostri mari – Claudia Tallura su Il problema della plastica e delle microplastiche nei nostri mari – Passaggio dall’economia lineare all’economia circolare-Veronica Albarella con video d’informazione sull’inquinamento da plastica- Gabriele Galletta su Quali percorsi da intraprendere per risolvere il problema . Non mancherà il contributo artistico e culturale dell’attore Enzo De Liguoro con il preambolo de La carta della Terra. Ancora una volta Movimundi vuole sensibilizzare gli adulti sull’importanza di conoscere per cambiare e di farlo anche in fretta dal momento che gli scienziati gridano a gran voce che se non ci svegliamo adesso siamo veramente nei guai. Movimundi oltre a far conoscere vuole anche agire e dal momento che un modo per ridurre le emissioni di anidride carbonica è quello di piantare alberi, anche a Bovalino saranno donati 50 alberelli dopo i 50 donati a Gioiosa Ionica lo scorso 26 luglio 2019 con Cambiamenti Climatici e Km Zero, i 50 donati a Marina Di Gioiosa il 2 agosto con Cambiamenti Climatici e Moda Sostenibile e i 20 che si doneranno in occasione dell’8 agosto a Bovalino con Fiumare e Non Discariche. (Fonte: comunicato stampa)

57 Visite totali, 1 visite odierne

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Aggiungi commento

avatar
  Subscribe  
Notify of