“Radio Roccella Rock Contest Festival”, la forza universale della musica fra condivisione e valorizzazione del territorio

Facebooktwittergoogle_pluslinkedin

Cojaniz e DK Blues Band (foto di Pino Curtale)

La seconda edizione del Radio Roccella Rock Contest, presentata nel corso della conferenza stampa che si è svolta lo scorso sabato, 9 febbraio, nella sala del Tiche Bar di Roccella Jonica (RC), aggiunge la parola Festival all’originaria denominazione, rilevante novità, richiesta a gran voce, come ha sottolineato nel suo intervento Antonio La Palerma, presidente di Radio Roccella, da quanti, singoli cantanti e gruppi musicali, hanno preso parte lo scorso anno all’evento canoro: accantonare il puro e semplice spirito agonistico e dare vita ad una manifestazione che porti sul palco, con vivida determinazione, la forza condivisa della musica. L’ispirazione è fornita da una frase di Don Luigi Ciotti: La musica è armonia e armonia significa accordo. Armonia è quando da una relazione di parti scaturisce qualcosa di diverso e di comune, qualcosa in cui ogni parte si possa riconoscere senza perdere per questo la sua identità”. Radio Roccella Rock Contest Festival, quindi, organizzato da Radio Roccella in collaborazione con il Comune di Roccella Jonica,Tiche Bar, Live Music Audio&Luci e Tana Studio, felicemente aperto a vari generi musicali (rock, indie, dream pop, reggae, blues, hard rock, nuovo cantautorato, elettronica, psichedelica), senza limitazioni riguardo la lingua usata per i testi, purché questi ultimi siano inediti, nel precipuo obiettivo di garantire ai partecipanti, a partire dai 14 anni di età, opportuna visibilità e le premesse per delineare un valido percorso artistico e professionale, rivolgendosi in particolare alle nuove generazioni.

Il Radio Roccella Rock Contest Festival potrà contare su una pregevole macchina logistica ed organizzativa: i tecnici ed i fonici di Live Music, che metteranno a disposizione degli artisti tutte le attrezzature audio necessarie per la loro esibizione, l’operatore di ripresa Maurizio Nardi, che curerà le riprese video, da offrire poi in dono agli artisti, così come il book fotografico composto dagli scatti resi dal fotografo musicale Pino Curtale e da Chiara Curtale. La presentazione delle serate sarà affidata a Manuela Cricelli, cantante e psicologa, mentre le interviste e le dirette radiofoniche dallo studio mobile Azzurra saranno curate da Tony Lombardo, producer e dj, la messa in onda dei brani dei partecipanti a cura di Andrea Lombardo nella trasmissione Musica indipendente (ogni giorno, dalle 16.35). Inoltre ogni artista sarà intervistato, in esclusiva per tutta la durata del festival, da Nicola Procopio, nell’ambito della nota trasmissione di Radio Roccella Radiografia Sciò (sabato, ore 16.30) e da Pino Gagliano, per la trasmissione televisiva Talent Show (Tele Mia, sabato, ore 20.30). L’ufficio stampa sarà gestito dal giornalista Antonio Falcone, col compito inoltre di coordinare la partecipazione come corrispondenti degli studenti del Liceo Classico Ivo Oliveti di Locri (Istituto d’Istruzione Superiore Oliveti – Panetta), che avranno modo di mettere ulteriormente in pratica quanto appreso attraverso il progetto di Alternanza Scuola Lavoro incentrato sul giornalismo e la sua evoluzione, avviato lo scorso anno dall’Associazione Culturale Radio Roccella di concerto con il citato Istituto.

(Foto di Pino Curtale)

Anche il direttore artistico del Festival, Ilario Ierace, ha sottolineato nel suo intervento la novità del format non competitivo, ricordando il grande successo di pubblico e di critica riscontrato lo scorso anno ed annunciando le date previste per le varie esibizioni (16 marzo, 6 aprile, 24 aprile, all’ex Convento dei Minimi), rimarcando la grande festa finale del 1° maggio, quando tutti i cantanti che avranno preso parte al Festival si esibiranno sul palco, allestito in tal caso sul Lungomare Sisinio Zito. Ogni serata verrà trasmessa in diretta audio sui canali di Radio Roccella, (FM 94,800, streaming, video Facebook, YouTube, e Ustreaming), con la collaborazione di Radio Valentina e Radio Eco Sud. Saranno assegnati dei riconoscimenti, attestati di stima e partecipazione, sulla base delle valutazioni espresse da un gruppo di esperti musicali: Riconoscimento per il Miglior Testo in Italiano (Giorgio Sosta, nel ricordo di un socio ed amico di Radio Roccella), Riconoscimento per il miglior arrangiamento (Tana Records), Riconoscimento per la miglior presenza scenica (Tiche Bar), Riconoscimento per la band o il solista più giovane (Officine Musicali) ed altri che saranno resi noti in seguito.

Claudio Cojaniz (foto di Chiara Curtale)

Da non dimenticare, inoltre, come ha sottolineato Gustavo Tigano, voce principale e sax tenore della band 107 Bis, vincitrice lo scorso anno, l’apporto culturale della musica, la sua portata umanizzante nel far comprendere determinate realtà legate al territorio e far assumere loro consistenza universale, per un evento che riafferma con forza la sua valenza di iniziativa lodevole e coraggiosa, in particolare, come ha sottolineato nel suo intervento Carmen Ingrati, Consigliera Comunale con Delega al Turismo, considerando che andrà a svolgersi in un periodo a volte avaro di manifestazioni culturali. Rilevante, infine, la sinergia che si è andata a costituire per la sua messa in opera fra pubblico e privato, condividendo l’entusiasmo di sperimentare nuove idee, così da coinvolgere l’intero territorio fino ad assumere una conclamata rilevanza nazionale. La serata di presentazione ha avuto poi felice seguito con il concerto, all’ex Convento dei Minimi, di Claudio Cojaniz & DK Blues Band (Francesco De Marco, Edi Cappelletto, Oriano Ferini), che hanno ammaliato il numeroso pubblico presente con un’esibizione raffinata e potente, comprensiva di alcuni classici del blues e composizioni originali.

 

149 Visite totali, 2 visite odierne

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Aggiungi commento

avatar
  Subscribe  
Notify of