Roccella Jonica (RC), Teatro al Castello: il 31 luglio andrà in scena “Meccaniade”

Facebooktwittergoogle_pluslinkedin

Mercoledì 31 luglio, alle ore 21.30, al Teatro al Castello di Roccella Jonica (RC) andrà in scena Meccaniade, spettacolo teatrale con (in ordine alfabetico):Veronica Baleani, Nadia Brustolon, Krzysztof  Bulzacki Boguck, Claudio Migliavacca, Paolo Ricchi, Paola Surace.  Installazione artistica di Francesco Misuraca. Costumi: Valentina Dascola. Aiuto costumista: Maria Lucà. Produzione: Centro Teatrale Meridionale. Testo e direzione delle prove: Andrea Dalla Zanna. Questa la sinossi della rappresentazione, concepita per la comunità civile di Roccella Ionica, scritta nello stile di un dramma remoto, che intende porre l’uomo di fronte a quello che sembra essere un destino che si è fabbricato da sé, ovvero la surrogazione: Un macchinario semovente, sconosciuto, entra nel territorio di uno stato sovrano ai confini di Eurabia. Immobilizzato dalle forze di sicurezza e sottoposto ad accurate analisi, l’oggetto rivela straordinarie proprietà tipicamente umane: si tratta di un dispositivo pensante di ultima generazione. Le autorità di governo, la scienza, il mondo delle imprese si interrogano sugli effetti destabilizzanti di una simile tecnologia.

Ma ecco che nel vivo del dibattito civile, la macchina fa sentire la “propria voce” provocando nella comunità umana una catena di paradossi inimmaginabili. Al centro della rappresentazione teatrale vi sarà l’installazione artistica di Francesco Misuraca, Protozoo: non si tratta di una scenografia, bensì di un oggetto artistico, un omeostato della parola, il produttore di tutti i discorsi sulla Macchina. Lo scultore ha liberamente interpretato il soggetto teatrale che gli era stato sottoposto, talvolta influenzandone la scrittura, per fondare un’opera cumulativa insieme ai conduttori dei laboratori. Pur nel lavoro associato, ciascuno ha conservato in un certo senso l’individualità della propria arte o delle proprie esperienze mediante una separazione degli elementi. Il concerto dei talenti è diventato in tal modo una cosa viva, nella quale il contrasto fra i vari elementi non è stato soppresso. Lo scultore, i conduttori dei laboratori, gli attori, hanno preso posizione rispetto al tema e lo hanno affrontato con i propri mezzi. (Fonte: Facebook)

265 Visite totali, 1 visite odierne

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Aggiungi commento

avatar
  Subscribe  
Notify of